PROMO – Berrino: «Si è creata una grande sinergia, aspetto che Lemoli si sdebiti…» (VIDEO)

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Il CUS Genova ha pubblicato sul suo canale YouTube ufficiale un’intervista a Eugenio Berrino, cestista degli Universitari in Promozione. Diversi i temi trattati: dalla prima parte di campionato alle ambizioni relative alla seconda, passando per alcune divertenti “frecciate” ai compagni.

Sono Eugenio Berrino e gioco per il CUS Genova Basket in Promozione. Sono abbastanza soddisfatto di questa prima parte di campionato: siamo terzi. Ovviamente l’obbiettivo sarebbe quello di passare al turno successivo. La squadra è giovane, nel senso che si è creata quest’anno, quindi poche persone avevano già giocato assieme. Si è comunque creata una certa sinergia, un bel rapporto anche perché siamo ragazzi abbastanza umili e non c’è la voglia di prevalere uno sull’altro. Sono sicuro che si potranno fare davvero davvero grandi cose. E per il momento mi ritengo davvero davver soddisfatto sia degli allenatore che dei compagni di squadra e di tutta l’organizzazione.

Ci tenevo a dire che questo è il mio primo anno al CUS poiché, essendo studente, prima viaggiavo mentre quest’anno ho iniziato la Magistrale e sono fisso qua a Genova. Così ho deciso di continuare la mia passione per la pallacanestro e ho trovato nel CUS una buona occasione. Devo dire che mi sono trovato davvero bene. È vantaggioso a livello di costi, essendo anche studente hai tanti benefici. Unire l’utile al dilettevole penso che sia davvero una carta vincente.

L’unico appunto che vorrei fare riguarda Matteo Lemoli, detto “Latte” per la squadra. Matte, sinceramente, sei un bravo giocatore però non sai palleggiare. Cioè, palleggia di meno, alza di più la testa e passa la palla. Lascia spazio a chi sa portar palla meglio di te. Il secondo punto è questo: mi fa piacere parlare con te in macchina però portarti a casa ogni volta… tu abiti a Sturla, io a San Fruttuoso, ogni volta mi fai tornare a casa a mezzanotte. Come minimo, dato che sei bolognese, mi aspettavo un chilo di sugo, di ragù, oppure non lo so, dei tortellini o delle lasagne. Vedi di sdebitarti un minimo.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3148 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.