Un anno da record per il sito: bilancio, progetti futuri e i più sinceri ringraziamenti

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

Share
4 MINUTES

Sono già passati circa due anni e mezzo dall’apertura del sito, in cui sono confluiti portali con differenti progetti editoriali. È giunto quindi il momento di ringraziare sinceramente le numerose persone che quotidianamente sfogliano un contenitore che, oltre ai già citati progetti, contiene anche tutte ciò che scrivo e viene pubblicato su altri siti e testate.

Dal luglio 2016, mese in cui è stato ufficialmente aperto il sito, sono state registrate 232 mila pagine visualizzate, per una media di circa 255 pagine al giorno. Il tutto con un trend in netta crescita se si considera che nell’ultimo anno solare, ovvero nel 2018, le pagine visualizzate sono state 110 mila, ovvero circa 301 al giorno, 19 mila complessive in più rispetto al 2017 e il 43% del totale dall’apertura del sito. Un risultato che mi inorgoglisce e che mi spinge a ringraziare sinceramente ogni lettore, ogni persona che ha suggerito ad un amico il sito e chiunque abbia dimostrato interesse verso i contenuti che vengono quotidianamente pubblicati.

Per fare un rapido bilancio personale, il 2018 è stato per me un anno ricco di cambiamenti, più o meno radicali. Un anno in cui ho avuto la possibilità e la fortuna di viaggiare parecchio, anche in altri continenti, che fosse per lavoro, volontariato o semplice “avventura”. Un anno per cui mi sento di ringraziare sinceramente chi è stato al mio fianco, per tutto l’arco dei mesi oppure anche solo parzialmente. Ma soprattutto, ovviamente, chi mi ha accompagnato negli ultimi anni da molto vicino e magari ora non c’è più.

Dall’onore di raccontare in tribuna stampa l’amichevole tra Inghilterra e Italia a Wembley a marzo, al viaggio tra Hong Kong e Cina con il MY Basket come “addetto stampa” per il torneo di pallacanestro South China Showcase. Dai due accrediti stampa a Bergamo e Legnano in Serie A2 grazie a Liguria a Spicchi, al sogno di vedere giocare dal vivo l’idolo d’infanzia Dwyane Wade a Miami all’AmericanAirlines Arena. Dal Torneo dei Due Mari a Senigallia sempre con il MY Basket al camp del CISV a Genova come volontario e organizzatore in mezzo a bambini provenienti dai più svariati Paesi del mondo. Dal corso di formazione a Tel Aviv per diventare trainer sempre del CISV, al viaggio random all’avventura a Berlino. Dalla tribuna stampa nella decisiva sfida del PalaMariotti della Nazionale italiana femminile di pallacanestro con Liguria a Spicchi, alle enormi opportunità di crescita professionale e alla grande fiducia che mi sta offrendo il CUS Genova. Un grazie enorme a chi ha reso possibile tutto ciò e a chi ha vissuto con me, direttamente o indirettamente, questo anno delicato ma meraviglioso.

Cercherò di fare adesso un rapido bilancio relativo ai vari progetti. Tutto comincia, per forza di cose, da Liguria a Spicchi. Nato nell’ottobre del 2015, questo portale ha subito un’evoluzione rapidissima diventando un po’ il punto di riferimento per la pallacanestro ligure. Cominciato quasi per gioco, al termine di un’esperienza di cronismo cestistico sul sito online Genova Sport, il portale è passato da rilanciare i comunicati fino al punto di garantire uno spazio concreto a tutte le società. Uno spazio leale per tutti, per poter dar voce ai tanti protagonisti che in questi anni continuano ad animare il movimento di questa regione.

A partire da questa stagione sportiva, tuttavia, si è deciso di premere sull’acceleratore. Sono state inserite rubriche nuove, come LS365 sui pronostici a mo’ di scommessa. E si è cercato di dare un respiro più nazionale al portale, contattando atleti, giocatori e allenatori che hanno ottenuto risultati notevoli al di fuori della nostra regione. Appello a cui hanno risposto con entusiasmo Francesca Facchini, Peppe Fusco, Federico Miaschi, Tommaso Oxilia e Giovanni Baiardo. Ai quali se ne aggiungeranno sicuramente altri. È iniziata inoltre un’opera di “promozione” delle varie realtà professionistiche e semiprofessionistiche di pallacanestro nel raggio di 200 km da Genova, specie se riguardanti atleti liguri. Ma di questo si avranno ulteriori nelle prossime settimane. Così come se ne parlerà nelle settimane a venire dalle prossime novità grafiche e statistiche del sito. Inoltre, nei prossimi giorni verrà anche annunciata un’altra grande novità. Ricordo infine tutti i canali per rimanere sempre informati sulla pallacanestro ligure: in primis l’essenziale Facebook Bot per avere un messaggio al giorno con tutti gli articoli pubblicati, poi a seguire la pagina Facebook, l’account Instagram, il profilo Twitter e il canale Telegram.

Il progetto di Liguria a Spicchi è, come detto, in continua evoluzione. Trattasi infatti di un contenitore (in certi casi anche di una “vetrina”) in cui le società hanno sempre spazio e possibilità di promuovere le loro attività. Tutte le società hanno quindi spazio e continueranno ad averlo. Con alcune di esse ho iniziato a collaborare esternamente per quanto riguarda la comunicazione: dai profili social, alla creazione di contenuti visuali, di siti internet, di interviste video, tutte pubblicate attraverso i rispettivi canali di comunicazione societari e poi in un secondo momento rilanciati sui canali di Liguria a Spicchi. Un’attività che, ovviamente, è aperta a chiunque sia interessato.

Nell’ultimo anno per cause di forza maggiore è rimasto fermo Il Calcio Portoghese, il primo portale in Italia dedicato al calcio lusitano. Una passione nata dopo un viaggio nell’ottobre del 2015 e che ha spinto verso la creazione di questo contenitore calcistico. Inutile dire che l’intenzione sia quella di renderlo nuovamente attivo in queste settimane, anche spinto dai numerosi attestati di stima ricevuto in questi mesi nonostante la sua inattività. Ognuno di voi potrà ricevere gli aggiornamenti sulla pagina Facebook, sul profilo Twitter e sull’account Instagram. Stesso discorso per Dragoni d’Oriente, portale dedicato calcistico dedicato agli inglesi del Leyton Orient, la seconda squadra più antica di Londra. Fermo ancora in stato embrionale, l’idea è quella di renderlo effettivamente attivo in queste settimane. Un portale che potrà essere seguito sulla sua pagina Facebook e sul profilo Twitter.

Per quanto riguarda le collaborazioni con testate giornalistiche l’intenzione è quella di ricominciare a raccontare la stagione degli Italians nel campionato inglese, così come quelle delle squadre londinesi tra Premier League e League Two. Ovviamente sempre su Londra Italia, testata inglese dedicata agli italiani che vivono in Regno Unito. Ne approfitto per ringraziare Francesco Ragni, direttore della testata, per la fiducia che ha dimostrato nei miei confronti in questi anni, al punto da spedirmi a Wembley in tribuna stampa per raccontare la sfida tra l’Italia e l’Inghilterra.

Per quanto riguarda il sito, oltre al restyling grafico annunciato sopra, l’idea è quella di creare un contenitore che valorizzi personaggi, risultati importanti ed eventi dello sport ligure. Un contenitore che ancora deve essere progettato ma che, se tutto va come deve andare, avrà luce nel futuro prossimo. Poi riprenderanno le varie rubriche del sito come, tra le altre, #SportShots, Notabilis e Press(ure), dedicate rispettivamente a notizie sportive visuali, ad articoli giornalistici ispiranti e spezzoni di giornali “particolari”.

Uno dei buoni propositi per l’anno nuovo è quello di aggiornare chi è solito leggermi e gli eventuali interessanti attraverso i miei account sui social network. Per chi fosse interessato gestisco una pagina Facebook, un profilo Twitter, una pagina Google+, un profilo LinkedIn, un account Instagram, una pubblicazione su Medium, un blog su Tumblr ed un profilo Pinterest.

Colgo l’occasione per augurare a tutti uno splendido 2019 e chiudo con il ricordo di una persona recentemente scomparsa. Sto parlando di Pantaleo Di Vincenzo, detto “Lino” per i più. Questo arzillo signore, famoso in Liguria per aver fondato Minigoal, rivista cartacea settimanale dedicata al calcio giovanile, è stato il mio primo vero e proprio capo in un settore difficile come quello del giornalismo cartaceo. Un signore d’altri tempi, un professionista corretto ed esemplare e un grande maestro che non ha esitato a darmi fiducia in un settore in cui le delusioni sono sempre dietro l’angolo. Un abbraccio alla sua famiglia, in particolare a suo figlio Gianni. Che la terra gli sia lieve.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3147 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.