Lutto nella pallacanestro ligure: se n’è andato Riccardo Gaiaschi, storica colonna di Rapallo

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

Share
1 MINUTE

È di poche ore fa una notizia che ha sconvolto il mondo della pallacanestro ligure. Ci ha infatti lasciati prematuramente Riccardo Gaiaschi, storica colonna dell’Alcione Rapallo nonché volto noto della città situata nel Levante ligure sia per la sua legnoteca sia per il suo impegno nel sociale.

Pur non essendo l’allenatore con cui in questi anni ho avuto più confidenza, sono stati numerosi i punti di contatto tra il coach e Liguria a Spicchi, di cui è sempre stato un affezionato lettore. Sempre disponibile a rilasciare dichiarazioni in occasione della stagione 2015/16, che ha condotto la sua Alcione dalla retrocessione in Serie D alla promozione in Serie C Silver con la vittoria dei Playoff, salvo poi lasciare la panchina l’anno dopo. Nella passata stagione era tornato alla guida dei rapallesi in Promozione, venendo eliminato solamente in semifinale dall’Athletic, vincente poi nell’atto conclusivo.

Un allenatore che ha sempre dimostrato grande disponibilità quando chiamato in causa e che ho, dal mio piccolo, difeso dall’accusa che coinvolse la società rapallese nel 2015, quando una lettera anonima diffusa dai media accusava (senza prove effettive) che lo staff avesse fatto bere qualche sorso di birra ad alcuni cestisti minorenni durante i festeggiamenti del compleanno di un compagno di squadra a fine allenamento. Un’accusa per cui raccolsi numerosi attestati di stima e dichiarazioni in sua difesa dal mondo della pallacanestro, sollecitando anche la celebre pagina Facebook L’umiltà di chiamarsi Minors, la quale coniò perfino l’hashtag #giùlemanidallalcione. Un coach che peraltro ho rivisto di sfuggita due weekend fa. Presente sugli spalti durante la sfida di Serie C Silver tra Recco di coach Bertini e l’Aurora Chiavari di Giuliano Marenco.

Liguria a Spicchi si stringe intorno a famiglia e amici di Riccardo, inviando loro un caloroso abbraccio. La speranza è che tutta la vicinanza che la pallacanestro ligure sta dimostrando al coach possa almeno timidamente smorzare il dolore che chi lo conosceva più profondamente starà sicuramente provando.

Che la terra ti sia lieve, Riccardo.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3132 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.