Notabilis #1 del 2017

Share
2 MINUTES

Adani racconta: il regista non è un ruolo ma un compito (Daniele Adani)
MondoFutbol, 15/11/2016
Interessantissima video lezione da parte di Daniele Adani, ex calciatore nonché uno dei migliori analisti tattici in Italia. L’argomento è la definizione di “regista” sul rettangolo verde, da non intendere più come un ruolo ma come un compito che giocatori di diverso ruolo possono ricoprire nel contesto di uno schieramento tattico.

Il regista non è un ruolo ma un compito. […] Il regista è al centro di tutto ma non è solo al centro del campo. […] Bisognerebbe cominciare a parlare diversamente quando si parla di compiti di regia.

The Guardian’s inaugural Footballer of the Year: Cagliari’s Fabio Pisacane (Paolo Bandini)
The Guardian, 29/12/2016
Dalla chiamata del Genoa a 14 anni alla sua malattia la sistema nervoso. Dalla denuncia del tentativo di combine nel 2011 da parte di Giorgio Buffone, DS del Ravenna, all’esordio in Serie A con il Cagliari nel 2016. Splendido ritratto in inglese dell’uomo scelta come “Footballer of the Year” da The Guardian.

Invited to expand on that last point, Pisacane replies: “You won’t please everyone when you do the right thing. But in the end the thing that matters is my conscience. My conscience tells me to stay calm. And that’s why I am calm.” […] A guy whose career deserves to be celebrated, even if he does not understand why.

Il potere morbido della lingua italiana (Annamaria Testa)
Internazionale, 17/10/2016
L’appeal della lingua italiana nel mondo è crescente. Annamaria Testa, esperta di comunicazione, oltre ad elogiarne il fascino che suscita oltre i nostri confini, ne evidenzia la sua fertilità per quanto riguarda il nostro soft power. La lingua italiana come strumento di autenticità, per promuoverci e valorizzare le nostre capacità nel mondo.

Promuovere la lingua italiana (e magari cominciare a trattarla meglio, anche in patria) può aiutarci ad avere prestigio nel mondo e ad accrescere il nostro soft power. […] Ma non solo: promuovere l’italiano può aiutare le nostre imprese a diffondere e difendere i loro prodotti all’estero, posizionandoli nel segmento alto di gamma per il solo fatto di essere autenticamente italiani.

Come funziona il calciomercato cinese (Nicholas Gineprini)
Blog Calcio Cina, 01/01/2017
Stupefatti dalle cifre folli del calciomercato cinese? Nicholas Gineprini, fondatore di Blog Calcio Cina, chiarisce alcuni dubbi circa il suo regolamento e sazia numerose curiosità di un orizzonte calcistico che nei prossimi anni dovremo sempre più tenere in considerazione.

Nella riforma statale sul calcio, emanata dalle autorità governative cinesi nel 2015, esiste la proposta di istituire un salary cap per tamponare e regolamentare i conti dei club, attualmente in profondo rosso. Nel 2016 i 16 club hanno generato perdite complessive pari a un miliardo di dollari.

Juan Roman Riquelme, l’idolo introverso della Bombonera (Stefano Borghi)
Contra-Ataque
, 02/01/2017
Ritratto del Número Diez per eccellenza del Boca Juniors, Juan Román Riquelme. Stefano Borghi, commentatore di SKY ed uno dei massimi esperti italiani di calcio argentino, compone un luminoso affresco che va oltre le semplici gesta calcistiche di uno dei maggiori geni incompresi del calcio contemporaneo.

Si parla del giocatore che è stato il più iconico dei “10” nel momento storico in cui si è praticamente estinto il ruolo del “10”. Uno di quei personaggi che, pur essendo fuori dal tempo comune, lo segnano: un grande lirico in un’epoca ultrapop, un introverso principe dell’individualismo ritrovatosi ad essere icona nel mondo della condivisione di massa.

Why don’t we stand with Turkey, like we did with Paris and Orlando? (Matt Ayton)
The Indipendent
, 30/06/2016
Brillante e sintetica analisi in inglese su una questione mediatica molto attuale: perché si è portati ad indignarsi maggiormente quando un attacco terroristico colpisce una città europea rispetto ad una città mediorientale? La tesi è quasi un’ammissione di colpevolezza, la conclusione precisa.

The tutors of our moral indignation, the think-piece merchants and media pundits, have managed to outmanoeuvre our better judgement by inculcating a simple but politicised cognitive bias: we (Westerners) are killed in terrorist attacks, and it’s a tragedy; they (Arabs, Turks) die in terrorist attacks, and it’s an unfortunate norm in a destabilized region.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3155 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.