#iCP PRANCHETAS TÁTICAS – Feirense vs Vitória Guimarães 0-0

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
3 MINUTES
© SOCCERWAY
© SOCCERWAY

PRIMEIRA LIGA
FEIRENSE (4-2-3-1): 91 Vaná; 35 Flávio Ramos, 32 Sérgio Barge, 13 Luís Rocha, 90 Vítor Bruno; 18 Ricardo Dias, 17 Cris; 9 Karamanos, 10 Fabinho (72′ 8 Tiago Silva), 95 Etebo (92′ 30 Luís Aurélio); 99 Platiny (85′ 7 Luís Machado). A disp: 1 Peçanha, 2 Ícaro, 28 Alcénat, 45 Tchuameni. Allenatore: José Mota.
VITÓRIA GUIMARÃES (4-2-3-1): 1 Douglas; 53 Konan, 2 Pedrão, 3 Josué Sá, 76 Bruno Gaspar; 20 João Aurélio, 58 João Pedro (59′ 13 Mensah); 81 Raphinha (69′ 91 Texeira), 16 Hurtado, 9 Hernâni (84′ 11 Alex), 18 Tiquinho Soares. A disp: 8 Zungu, 10 Tozé, 26 Gouano, 56 João Miguel. Allenatore: Pedro Martins.

PRESENTAZIONE. In data 14/01/2016 in Primeira Liga si affrontavano all’Estádio Marcolino de Castro i padroni di casa della Feirense di José Mota ed il Vitória Guimarães di Pedro Martins. Da un lato i Fogaceiros sono una neo promossa e si trovavano al terzultimo posto, a tre punti dal Nacional da Madeira penultimo. Quinto posto e piena bagarre europea, invece, per i Vimaranenses, a sole tre lunghezze dallo Sporting Braga.

PRESSING FOGACEIRO. La partita è molto intensa fin dai primi minuti di gioco. La Feirense di José Mota comincia con un pressing alto stile Atlético Madrid di Diego Pablo Simeone. Fogaceiros che lasciano una discreta libertà ai due centrali di difesa vimaranenses, andando secchi con i due esterni Etebo e Karamos sulle fasce a pressare il primo passaggio, con Fabinho sulla tre quarti campo pronto a raddoppiare e con i due centrali di centrocampo, Ricardo Dias e capitan Cris, pronti all’intercetto sul secondo passaggio. Ottimo il lavoro anche del centrale di difesa Luís Rocha, abile a sganciarsi sul centrocampo per coprire le uscite in marcatura dei due mediani.

SBILANCIAMENTO VIMARANENSE. Il tecnico Pedro Martins è costretto per la seconda partita di fila a rimpiazzare uno dei suoi trequartisti: Moussa Marega, vice capocannoniere della Primeira Liga con 10 goal in 12 presenze e convocato dal Mali per la Coppa d’Africa di Gabon 2016. Lo schieramento degli ospiti risulta tutt’altro che speculare per tutti e novanta i minuti, sfruttando prima il triangolo di sinistra poi quello di destra. Nel primo tempo, infatti, la catena di sinistra composta dal terzino irlandese Konan e dall’esterno brasiliano Raphinha, supportata dal mediano João Aurélio, mette in crisi le retroguardia di Santa Maria da Feira. Il brasiliano Flávio Ramos e Sérgio Barge, rispettivamente centrale e terzino destro della Feirense, cercano di tamponare come riescono soffrendo gli inserimenti palla al piede del puntero brasiliano Tiquinho, vice capocannoniere del Vitória. In questa fase il centrocampista João Pedro risulta essenziale in copertura, andando ad aggiungersi alla linea di difesa per dare equilibrio alla formazione.

Nel secondo tempo lo sbilanciamento è speculare. Sulla destra, infatti, si scatena un incontenibile Bruno Gaspar, terzino che spinge altissimo e che si scoppia tutta la fascia in pressing, supportato da un pericoloso Hernâni (mancino a rientrare) e dal centrocampista ghanese Mensah, entrato nel secondo tempo al posto del prezioso João Pedro. Nessuno dal centrocampo in su, invece, scende sistematicamente in quanto nel secondo tempo si rende pericoloso praticamente solo il Vitória Guimarães.

BUNKER FEIRENSE. Con la manovra dettata soprattutto dal metronomo Cris, la Feirense si trova costretta a contenere nonostante un inizio di partita caratterizzato da un possente pressing. L’esterno greco Karamanos, capocannoniere della squadra con cinque reti, abbandona spesso la sua posizione nel tris di trequartisti fogaceiros per dare un mano alla retroguardia, dedicandosi al pressing alto comandato da José Mota. Nel secondo tempo cresce il centrale Flávio Ramos, complice anche la prudenza della catena di sinistra vimaranense. In fase offensiva non riesce ad incidere più di tanto il terzetto di trequartisti dei padroni di casa, con un Fabinho spento e con gli esterni Karamanos ed Etebo più impegnati a coprire che offendere. Prova incolore, infine, per l’attaccante brasiliano Platiny.

SOFFERENZA NEL FINALE. Nel secondo tempo Pedro Martins comanda tre cambi che però non vanno a incidere sullo schieramento in campo: Mensah sostituisce João Pedro sulla mediana, l’uruguayano Texeira si posiziona sulla sinistra al posto di Raphinha ed Alex va a sostituire nel finale Hernâni sulla sinistra. Gli unici (e blandi) pericoli creati dalle Feirense nella seconda frazione provengono dagli inserimenti senza palla di Luís Aurélio, entrato per Etebo. Per il resto è la compagine di Guimarães a dettare il bello ed il cattivo tempo, macinando molte triangolazioni ed inserimenti palla al piede, non riuscendo però a bucare la porta dei padroni di casa. Perentorio capitan Josué Sá, centrale difensivo protagonista di anticipi in uscita a centrocampo che fanno innervosire Karamanos, in evidente difficoltà in fase offensiva.

AZIONI PERICOLOSE. Solo quattro le occasioni da goal nitide della partita, tutte di marca vimaranense. Al 13′ Raphinha scarica un mancino dal limite che termina di poco a lato alla sinistra di terminato di Vaná. Portiere brasiliano che salva invece la Feirense in occasione del mancino di Hernâni dal limite a rientrare, respinto dal cuore dell’area. Infine, in due minuti, il Vitória Guimarães crea i presupposti per conquistare i tre punti ma fallisce il colpo del KO. Prima all’80’ Tiquinho si invola in area ma si fa respingere la conclusione dal connazionale estremo difensore. Poi, un minuto dopo, Mensah raccoglie un pallone dal limite e scarica un bolide da fuori area che termina di poco a lato alla destra del portiere.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3148 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.