ESCLUSIVA LS – Coach Bertieri: «Deluso per come è arrivato il risultato, rovinata dall’arbitraggio»

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Nel big match di Serie C Silver in programma sabato al PalaCUS è stato proprio il CUS Genova a spuntarla, superando Sarzana di coach Bertieri e confermando il secondo posto solitario in classifica. In esclusiva per Liguria a Spicchi, ecco una dichiarazione di Michele Bertieri, capo allenatore dei Biancoverdi:

Sono deluso per il risultato, ma soprattutto per come è arrivato. Ci eravamo ben preparati, ed eravamo in condizione di poterla vincere. Abbiamo tenuto il naso avanti per la maggior parte del match,  gestendo un seppur minimo vantaggio, ma sempre in controllo. Poi purtroppo i direttori di gara sono saliti in cattedra, rovinando una partita che era stata fino a quel momento maschia ma corretta, e dove i due quintetti si stavano giocando le proprie carte per imporsi. Purtroppo poi il lavoro di una settimana viene annullato non da un avversario più forte o pronto, ma da chi purtroppo partite di un certo livello non è in grado di gestirle. È impensabile usare due pesi e due misure tra due squadre che si stanno equivalendo, e colpo su colpo se la stanno giocando.  Così si diventa inequivocabilmente determinanti sull’esito di una gara. E da che mondo e mondo, le partite le giocano e vincono i giocatori, e nessun altro. Approfitto per scusarmi con coach Pansolin, perché nel finale mi è scappata una frase inopportuna. Credo che alla fine neppure il CUS, a parte i due punti, non ci abbia guadagnato un granché da questa partita. La soddisfazione nel vincere una gara, dovrebbe essere appieno, legittimità dal lavoro dei propri giocatori, ma in una limpida gestione della stessa, affinché nessun dubbio su meriti e demeriti possano affiorare. Beh, qualche dubbio purtroppo noi lo abbiamo, e per capire se frutto di un giudizio poco equo, ho potuto confrontarmi con altri addetti ai lavori, che hanno visto e giudicato l’incontro e, per fortuna o sfortuna, rafforzato la mia idea. Spero solo che nell’interesse del nostro sport e della legittimità dell’esito di questo campionato, certe partite “di cartello”, possano godere di un occhio di riguardo nell’assegnazione di chi dovrà gestirle.
Detto questo, un complimento va comunque ai miei ragazzi, ai quali poco posso recriminare, ma su quel poco sicuramente lavoreremo, così come spero che altri su quanto avranno da recriminare possano lavorarci sopra nell’intento di migliorare.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3132 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.