#GENOVA2017 – Vademecum per le elezioni a Genova: sistema elettorale e modalità di voto

© MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Dalle 07:00 alle 23:00 di domenica 11 giugno sono previste le elezioni Comunali e Municipali di Genova, in cui si eleggeranno il sindaco, i consiglieri comunali e, infine, i consiglieri municipali.

MODALITÀ DI VOTO DI ENTRAMBE. Le modalità di voto per sindaco e Consiglio Comunale sono le seguenti:

  • Segno sul nome del candidato sindaco e sul simbolo di una lista che lo sostiene con una o due eventuali preferenze: il voto è destinato al sindaco, alla lista votata ed al candidato o ai candidati indicati con la preferenza.
  • Segno sul simbolo di una lista con una o due eventuali preferenze: il voto è destinato al sindaco sostenuto dalla lista votata, alla lista votata ed al candidato o ai candidati indicati con la preferenza.
  • Segno sul nome del candidato sindaco e su sul simbolo di una lista che non lo sostiene con una o due eventuali preferenze (voto disgiunto): il voto è destinato al sindaco, alla lista votata ed al candidato o ai candidati indicati con la preferenza.
  • Solo una o due preferenze: il voto è destinato al sindaco sostenuto dalla lista di cui fanno parte i candidati indicati con la preferenza, alla lista di cui fanno parte i candidati indicati con la preferenza ed al candidato o ai candidati indicati con la preferenza.
  • Segno sul nome del candidato sindaco: il voto è destinato solo al sindaco.

Per quanto riguarda invece il Consiglio Municipale, invece, gli elettori non possono scegliere il Presidente del Municipio, che sarà nominato proprio dai consiglieri municipali. Non è previsto chiaramente il voto disgiunto, bensì solo il segno sul simbolo di una lista con eventualmente uno a due preferenze. Così come non è previsto il segno sul nome del candidato a presidente del municipio vicino ai simboli delle liste.

Risulta importante sottolineare che sia nelle Comunali sia nelle Municipali è previsto l’inserimento di due preferenze se e solo se sono di genere misto, ovvero un uomo e una donna. In caso contrario sarà annullata la seconda preferenza. Infine, per indicare la preferenza bisogna scrivere il cognome oppure cognome e nome in caso di ambiguità.

SISTEMA ELETTORALE DELLE COMUNALI. Nei comuni con più di 15.000 abitanti, come Genova, per il Consiglio Comunale si vota con un sistema maggioritario a doppio turno. Ciò significa che se nessuno dei candidati ottiene la maggioranza assoluta (50% + 1 dei voti), l’esito finale è rimandato al ballottaggio tra i due più votati il 25 giugno. Risulta importante sottolineare che tra il primo ed il secondo turno i due candidati al ballottaggio hanno la possibilità di farsi sostenere da liste aggiuntive rispetto a quelle del primo turno. Inoltre, al ballottaggio gli elettori non posso più scegliere la lista, bensì solamente il candidato sindaco.

Possono presentarsi quattro diverse situazioni:

  • Un candidato sindaco viene eletto al primo turno ma la lista o le liste collegate non raggiungono almeno il 40% dei seggi: in questo caso i seggi vengono distribuiti alle liste proporzionalmente con il metodo d’Hondt e può verificarsi la possibilità che il Consiglio sia composto per la maggioranza da esponenti dell’opposizione.
  • La lista o le liste che sostengono il candidato eletto al primo turno raggiungono almeno il 40% dei seggi ma la lista o le liste che sostengono un altro candidato superano il 50%:  in questo caso i seggi vengono distribuiti alle liste proporzionalmente con il metodo d’Hondt e può verificarsi la possibilità che il Consiglio sia composto per la maggioranza da esponenti dell’opposizione.
  • La lista o le liste che sostengono il candidato eletto al primo turno raggiungono almeno il 40% dei seggi e nessun’altra lista o liste che sostengono altri candidati superano il 50%: alla lista o alle liste che sostengono il candidato eletto viene assegnato il premio di maggioranza (60 % dei seggi), mentre i rimanenti vengono distribuiti proporzionalmente con il metodo d’Hondt.
  • Un candidato viene eletto al ballottaggio ma ha ottenuto meno del 60% dei seggi: alla lista o alle liste che sostengono il candidato eletto viene assegnato il premio di maggioranza (60 % dei seggi), mentre i rimanenti vengono distribuiti proporzionalmente con il metodo d’Hondt.
  • Un candidato viene eletto al ballottaggio ma ha ottenuto più del 60% dei seggi: alla lista o alle liste che sostengono il candidato eletto viene assegnata la percentuale di seggi ottenuta, mentre i rimanenti vengono distribuiti proporzionalmente con il metodo d’Hondt.

Risulta importante sottolineare che non rientrano nella distribuzione dei seggi le liste che non abbiano raggiunto la soglia di sbarramento del 3% dei seggi.

Fac-simile della scheda elettorale delle Comunali di Genova.
Fac-simile della scheda elettorale delle Comunali di Genova.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3117 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.