MERCATO – Nuova sfida per Padovan: dalla panchina di Follo a quella della Tarros

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Stagione travagliata quella appena conclusa dalla Tarros La Spezia del presidente Danilo Caluri. L’obbiettivo dichiarato fin da inizio stagione era la promozione in Serie B, traguardo però per il quale gli spezzini non hanno potuto concorrere a causa della sconfitta nella serie finale contro una Sarzana mai doma, che per un niente ha fallito la promozione nel campionato nazionale. Nel mezzo, per i Bianconeri, c’è stato un cambio in panchina: da Massimiliano De Santis a Luca Martini, non confermato per questa stagione.

Chi sarà dunque il nuovo coach della Tarros? Sarà Andrea Padovan, reduce da una stagione densa di soddisfazioni a Follo tra prima squadra e DNG. In un’intervista rilasciata a Michele Paganini, ripresa sul blog Dielleffebk, il tecnico goriziano ci tiene a sottolineare che «non ci sono stati motivi economici che hanno determinato la mia scelta», motivata esclusivamente dal fatto che «mi sono accorto che a Follo non avrei potuto dare di più» e dal fatto che «la famiglia ed il lavoro si sono incontrati». La richiesta del presidente è chiara: «Caluri vuole una squadra che abbia un’identità spezzina fatta di spezzini».

Dopo i ringraziamenti di rito alla famiglia Amadori, l’ex tecnico dei Canguri ha dichiarato che al nuova Tarros «sarà una squadra che si dovrà assestare senza fare passi più lunghi della gamba», il tutto all’interno di un progetto triennale al termine del quale «dovremmo esserci consolidati per affrontare serenamente un campionato di Serie B». Il compito del nuovo capo allenatore, come da egli affermato, sarà quello di «farla diventare “simpatica” per renderla un tutt’uno con il pubblico». Su chi puntare per un progetto di questo tipo? Appurato che «sarà difficile trovare nomi importanti che decidano di scendere di categoria per mettersi al servizio della squadra», si dovrà sicuramente puntare sulle «potenzialità di Pipolo e Fazio, sulla grande voglia di Dal Padulo e sulla “voglia di esserci” di Santoni».

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3148 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.