Ricordate Cota della Tarros? Adesso è una celebrità in Italia grazie a “L’umiltà di chiamarsi Minors”

PARTNER DI LIGURIA A SPICCHI

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© L'UMILTÀ DI CHIAMARSI MINORS
Share
1 MINUTE

Ricordate il playmaker Francesco Cota? Dotato di un carattere “fumantino” ma di talento purissimo, il cestista pugliese aveva vestito la canotta della Tarros La Spezia durante la stagione 2015/16, culminata nella finale Playoff di Serie C Silver persa contro Sarzana. Ecco, recentemente è uscito un video sulla celebre pagina L’umiltà di chiamarsi Minors che mostra due giocate di Cota alcuni anni fa ai tempi di Bernalda contro Rieti, in DNB. Prima compie un fallo discutibile e poi si rende protagonista di una palla persa che consegnano la vittoria agli avversari. Ma ciò che diverte del video è l’eccessiva reazione del telecronista, che strappa un sorriso pur nella tremenda non professionalità che dimostra.

«Cota cosa cazzo fai» urla il telecronista, frase che è stata ripresa in un hashtag che sta spopolando: #cotacosacazzofai. Ma non solo. Ne La Panchina, il gruppo ufficiale della celebre pagina Facebook, sono stati pubblicati due meme sulla vicenda. Il primo è l’ormai popolare meme del gabbiano, personalizzato in suo onore.

© L’UMILTÀ DI CHIAMARSI MINORS

Il secondo, invece, lancia un secondo hashtag: #freecota.

© L’UMILTÀ DI CHIAMARSI MINORS

Addirittura adesso sembra ci sia l’intenzione, probabilmente ironica, di lanciare una serie di magliette celebrative. Con l’apposita pagina Facebook FreeCota, creata per la pubblicizzazione.

Tralasciando per un secondo la nota stonata relativa alla reazione vergognosa del telecronista, va assolutamente sottolineata la simpatia con con Francesco ha preso l’improvvisa “popolarità”, dispensando diffuse reazioni divertite.

Sapersi prendere meno sul serio, così dovrebbe fare sempre la pallacanestro.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. | This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l’accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don’t forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3147 Articles
Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, East Journal, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi, Il Calcio Portoghese e Dragoni d'Oriente, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure, al calcio lusitano ed al Leyton Orient.