ESCLUSIVA LS – Coach Bertieri: «Noi incognita con potenziale enorme, vietato sottovalutare la Tarros»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share

Nella giornata di sabato andrà in scena il primo derby spezzino stagionale al PalaBologna: quello tra Sarzana di coach Bertieri e la Tarros La Spezia di coach Padovan. In esclusiva per Liguria a Spicchi, Michele Bertieri ha rilasciato un’intervista in previsione della stracittadina.

Durante la passata stagione questa sfida ha rappresentato la massima espressione della pallacanestro ligure. Cosa è cambiato quest’anno? Come sono variati gli equilibri tra le due squadre?

Sia noi che Spezia abbiamo cambiato parecchio e quindi non posso ad oggi dire se siamo o no le due squadre da battere e quindi di livello superiore alle altre. Loro mi sembrano meno forti a nomi e fisicamente meno completi nei ruoli, ma credo possano dare più di quanto diede la squadra passata. Noi ad oggi siamo ancora un’incognita, con però un potenziale enorme e grossi margini di miglioramento. Siamo cresciuti nel potenziale offensivo, ma abbiamo ancora tanto da fare sotto l’aspetto difensivo. Quel che saremo lo dirò più in là.

Discreto debutto con il Tigullio, poi una giornata di riposo prima del derby. Come si stanno adattando i nuovi innesti? Quale la condizione fisica dei suoi ragazzi?

Jonikas è probabilmente il più pronto anche perché conosce il campionato e con i vecchi sta trovando il feeling giusto. Credo potrà essere la massima espressione di centro del campionato. Salazar sta crescendo fisicamente e aspettiamo la sua forma migliore per dare pareri ma già ora sta facendo vedere grandi cose, figuriamoci poi! Maffei forse è quello che sta facendo più fatica. Non per capacità, ma solo per una questione di ruolo. Non è abituato a giocare troppo vicino a canestro ma è lì che abbiamo bisogno e, avendo fatto vedere già passi avanti, penso che con il passare delle settimane il suo apporto sarà prezioso. In generale, invece, le condizioni del gruppo sembrano buone Ma, come ho detto sopra, ci sono ancora grandi margini prima di essere al top.

Quale potrebbe essere la chiave della partita? Quale l’aspetto che teme di più della nuova Tarros di coach Padovan?

Per quel che mi riguarda, credo che il ritmo della gara potrà essere importante ai fini del risultato. A prescindere dalla fisicità ben diversa fra le due squadre, chi saprà imporre il ritmo più adatto alle proprie esigenze senza subire quello avversario, potrà avere un vantaggio. E proprio per la diversa fisicità tra noi e loro, non sarà un compito facile. Di Spezia temo soprattutto chi tra loro ha sempre, anche l’anno scorso, determinato rimonte o comunque break decisivi. Pipolo è un giocatore che stimo molto e che mi preoccupa, ma proveremo a limitarlo. Per il resto ho massimo rispetto per tutti, anche perché una delle mie regole è proprio mai sottovalutare l’avversario. Dovremo arrivare pronti.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

About Matteo Calautti 3293 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.