PROMO – Red Basket: «Troppo brutti per essere veri, una giornata nera»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Vittoria esterna per la Futura Genova di coach Cosentino, capace di espugnare il PalaGeirino della Red Basket di coach Brignoli. La società ovadese ha pubblicato per mezzo del suo sito ufficiale un’analisi della sfida:

27-29 a fine primo tempo; 44-71 alla fine.

In questi numeri c’è tutto il mistero e la delusione di questa partita.

Il recupero al Geirino contro il Futura Genova si è trasformato in un incubo dopo l’intervallo.

Nel quintetto base sale Prugno visto le pesanti assenze di Frisone per impegni personali e di Torrielli infortunato (e purtroppo “Torre” nelle più ottimistiche previsioni, rivedrà il campo nell’anno nuovo….) , conferme per Andov, Fantauzzo Bosic e Franza.

La partita inizia in sordina, il più incisivo è Franza che colpisce in area .

Gli ospiti non sembrano in gran serata.

Nel secondo quarto sale in cattedra Andov che si prende parecchi tiri ma segna comunque 14 punti e la partita scorre in un sostanziale equilibrio fino all’intervallo.

La sensazione è che la vittoria non sia una chimera.

Alla ripresa delle ostilità si va avanti soprattutto con i tiri liberi, ma sul 33 pari c’è il primo dei due episodi chiave : si perde in maniera incredibile una palla in contropiede, gli ospiti prendono un tiro da tre sconclusionato che colpisce il ferro, s’impenna , tocca il bordo superiore del tabellone per poi ricadere beffardamente in mezzo alla retina.

Il classico segno premonitore del destino avverso in arrivo.

Infatti , in 2 minuti gli ospiti mettono a referto un parziale pesantissimo di 11-0.

Sul 42-44 il secondo e forse decisivo, momento: Fantauzzo commette un evitabile fallo ad inizio azione che impedisce un contropiede probabilmente vincente.

È l’inizio della fine.

I biancorossi si smarriscono, perdono completamente la via del canestro e non riescono neanche a sfruttare l’improvviso nervosismo degli ospiti che si beccano 2 tecnici in pochi secondi….

L’ultimo quarto è veramente da dimenticare: neanche un canestro (solo 3 tiri liberi), e grandi difficoltà contro un avversario molto nervoso e provocatorio, ma sicuramente non irresistibile.

Il silenzio al Palazzetto all’ultima sirena è stato eloquente : una giornata nera, per certi versi incomprensibile, soprattutto nel disgraziato secondo tempo.

Nel prossimo turno, che chiude il girone d’andata contro l’Athletic, rientrerà Frisone, ma comunque si attende una risposta corale perchè la Theresianer vista martedi sera è stata troppo brutta per essere vera…

La società ovadese ha pubblicato anche il tabellino dei suoi ragazzi:

RED BASKET vs FUTURA GENOVA 44-71
RED BASKET: Andov 22, Bulgarelli , Bosic 3, Fantauzzo, Forte 1, Franza 6, Parodi, Prugno 5, Ratto, Sardi, Valfrè 4, Villa 2. Coach: Brignoli.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.