GIOVANILI – Clamoroso in Svezia: le ragazze U15 di Pegli trionfano nel prestigioso torneo Lundaspelen

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© LUNDASPELEN
Share
2 MINUTES

Sarà una competizione che difficilmente dimenticheranno. Le ragazze U15 di Pegli, guidate da Ezio Torchia e Jacopo Oneto hanno conquistato il primo posto nel prestigioso torneo internazionale Lundaspelen, svoltoso nella città svedese di Lund. Un torneo di alto livello a cui hanno partecipato come unica rappresentate italiana nel tabellone, trionfando in finale contro le danesi del BMS Herlev.

Più di 750 partite da due tempi da quindi minuti in soli quattro giorni di competizione, suddivisa in numerose fasce d’età. Un successo pazzesco quello delle Sharkers, nel contesto di un torneo che vantava la partecipazione, tra le altre, della SISU e per l’appunto della BMS Herlev e IK Eos Lund Vit, due compagini danesi ed una svedese le cui prime squadre militano nel massimo campionato e sono caratterizzate da un palmarès degno di nota. Tre vittorie nel girone hanno permesso alle pegliesi di qualificarsi con un brillante secondo posto, ottenute contro le svedesi della Lobas Vit (8-23), le tedesche di Rendsburg (41-13) e le svedesi di Kvarnby (15-59). Unisca sconfitta proprio contro il BMS Herlev (32-37), poi superato nella finalissima (28-29), raggiunta grazie al successo ai quarti contro la SISU (21-27) e in semifinale contro le svedesi della IK Eos Lund Vit (13-38).

Un successo di cui andare ancor più orgogliosi se si considera che Pegli era l’unica società italiana invitata nella categoria U15 femminile, nonché una delle uniche tre italiane invitate in tutta la manifestazione insieme ai piemontesi del Malnate Bugs e ai valdostani del Sarre Chesallet. Senza contare che tra le fila del BMS milita Caroline Glud Rasmussen, giocatrice che ha preso parte al torneo U14, U16 e U18 e che è già nel giro delle nazionali giovanili.

La società pegliese ha inviato a Liguria a Spicchi un racconto dell’esperienza:

Il torneo di Lund è giunto alla 40 edizione e in questo periodo accoglie un numero altissimo di squadre maschili e femminili da molti paesi del nord Europa, per le categorie che vanno dall’U12 fino all’U20 di entrami i sessi.
La sola categoria U15F comprendeva ben 18 squadre.

Cominciamo il torneo con una sconfitta contro la squadra che lo scorso anno aveva vinto per la categoria U14, al termine di una gara dove spiccano alcune avversarie e dove la nostra prestazione lascia ben sperare per il proseguo del torneo, perché non si può che fare meglio.
Nonostante tutto, la partita è in equilibrio e paghiamo caro, solo alcuni errori nel finale.
Finiamo il torneo, battendo le stesse avversarie in finale, dimostrando di non aver nessun timore reverenziale, seppur con qualche concessione all’emozione per un palazzetto gremito e per un’atmosfera da grandi occasioni. La presentazione delle squadre, è da brividi e giocare con così tanto pubblico, non è davvero da tutti i giorni.
In mezzo a queste due gare, un torneo importante per le nostre perché hanno dimostrato una maturità quasi innaturale per ragazze della loro età, sia in campo che fuori gestendosi con autonomia mostruosa sia i tempi del riposo sia gli spazi per il riscaldamento sempre molto difficoltoso visto il gran numero di gare e la confusione che regnava al palazzetto.
Grandissima esperienza quindi per un gruppo che ha potuto, assaporare, dopo aver conosciuto a fondo la realtà dei tornei italiani, anche un po’ di basket, mentalità e organizzazione esteri.
Dal punto di vista cestistico, oltre alla grande prova di maturità dimostrata nell’adeguarsi in campo a situazioni non consone ai nostri campionati, va evidenziata la mentalità di questo gruppo, che quando partecipa ad una competizione, pur nella gioia di stare insieme e divertirsi, non la trasforma mai in una mera vacanza. Dal punto di vista umano, bello per la nostra società e per i nostri 2003 maschi e femmine dopo tanti tornei fatti insieme negli scorsi anni in Italia, poter condividere un’esperienza di vita e di basket così importante.

Così la società diffondeva la notizia della vittoria nel torneo sulla sua pagina Facebook ufficiale:

Da segnalare, infine, che anche la compagine U15 maschile guidata da Stefano Ambrosini ha preso parte al torneo, disputandolo in maniera più che dignitosa. Secondo posto nel girone grazie alla vittoria contro gli svedesi dell’IK Eos Lund Grön (16-45) e contro i danesi dei Brønshøj Dragons (54-18), con sconfitta nell’ultima contro gli svedesi dei Virum Vipers 1 (36-39). Decisiva la sconfitta nel primo turno della fase finale contro gli Högsbo Lions (36-23), anch’essi svedesi. Vittoria finale poi per i tedeschi dell’Eintracht Francoforte.

© PEGLI

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.