ESCLUSIVA LS – Pres. Colonna: «Roster completamente rivoluzionato, rinuncia alla Serie C molto sofferta»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

La passata stagione è stata trionfale per Albenga di coach Romano, con una promozione di Serie C Silver conquistata sul campo da capolista della Serie D. Tuttavia, l’iscrizione alla prima divisione regionale non si è concretizzata in estate e la società ha attuato una vera e propria rivoluzione nel roster. Alessandro Colonna, presidente degli albenganesi, ha rilasciato una breve intervista in esclusiva per Liguria a Spicchi.

Una stagione trionfale quella passata sotto la guida di coach Romano. Quale il segreto di quel gruppo?

Sì decisamente, una stagione trionfante quella passata che ci ha reso tutti orgogliosi. Non saprei dire con esattezza quale sia stato il segreto di quel gruppo. Secondo me un insieme di fattori. Primo fra tutti le indiscusse capacità dello staff tecnico guidato da Romano e il lavoro svolto con tenacia e determinazione su quel gruppo cresciuto interamente tra le giovanili di Albenga, Ceriale e Loano. Credo, infatti, che come in tutte le cose la professionalità, l’impegno e la costanza portino a dei risultati positivi. A volte grandi, a volte più contenuti, ma pur sempre dei risultati positivi. Nel nostro caso, la perfetta sinergia tra le tre società (Albenga, Ceriale e Loano) ha permesso di sfruttare al meglio le capacità tecniche di ogni singolo giocatore, portando dei risultati tanto positivi quanto inaspettati.

Quali le motivazioni della non iscrizione alla Serie C Silver?

Non nascondo che la mancata iscrizione al campionato di serie C Silver è stata una decisione molto sofferta. Abbiamo lavorato tutti duramente per raggiungere il nostro obbiettivo e mai avremmo voluto dover rinunciare.
Purtroppo, non si è potuto fare diversamente. Non c’erano infatti le condizioni per iscrivere una squadra che potesse competere in un campionato di tale livello. Molti dei giocatori della passata stagione per esigenze lavorative o di studio hanno lasciato Albenga e trovare dei sostituti non era cosa da poco. Unitamente a tutto il Consiglio Direttivo, che ringrazio, abbiamo cercato fino all’ultimo di studiare delle soluzioni che potessero permetterci di accedere ad un campionato così competitivo come la serie C, ma nessuna soluzione ci sembrava pienamente soddisfacente. Infatti, era chiaro a tutti noi quale dovesse essere l’obbiettivo che deve caratterizzare società come la nostra, ovvero: coltivare e far crescere i giovani appartenenti al nostro settore giovanile. In fondo i grandi risultati degli ultimi anni sono stati raggiunti con giocatori appartenenti ai nostri vivai (di Albenga, Loano e Ceriale) non essendoci mai dedicati al mercato, se non in poche occasioni.  Ecco quindi che si è deciso con convinzione di continuare ad investire sui giovani, dando loro la possibilità di crescere e riproponendo loro la nostra esperienza maturata negli anni nei campionati senior. La nostra prima squadra, infatti, sarà composta interamente da giovani dei nostri vivai che sono sicuro ci daranno grande soddisfazione negli anni futuri.

Il roster è stato rivoluzionato in estate. Come definiresti la nuova squadra?

Sì, il roster è stato completamente rivoluzionato in estate e sarà guidato da uno staff tecnico nuovo capitanato da Coach Gian Nice Accinelli, allenatore di esperienza che collabora con noi ormai da diversi anni e che nella passata stagione ha guidato l’U18 alla vittoria. Siamo tutti molto fiduciosi. La squadra si sta allenando con grande impegno e con la giusta intensità. Siamo consapevoli che non sarà una stagione facile, ma credo che la squadra si stia preparando al meglio, mantenendo un giusto atteggiamento, ovvero: nella consapevolezza dei propri limiti si avverte la voglia di un gruppo di emergere e di dimostrare il proprio valore. Sono sicuro che con impegno costanza e qualche sacrificio le soddisfazioni arriveranno.

Con quale obbiettivo è stata costruita la nuova squadra?

La nuova squadra è stata costruita con convinzione per dare l’opportunità ai giovani del nostro vivaio di crescere e dimostrare le proprie capacità. Credo, infatti, che ci siamo molti atleti in forte evoluzione, alcuni dei quali si sono peraltro già fatti notare nei campionati superiori. Continueremo a lavorare in questa direzione. 

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.