SERIE C – DS Pozzi: «L’idea di contribuire alla crescita del settore giovanile del CUS mi ha convinto»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Dopo la sua esperienza a Pegli, in estate Federico Pozzi è diventato direttore sportivo della sezione cestistica del CUS Genova. La società ha pubblicato sul suo sito ufficiale una dichiarazione del nuovo dirigente cussino:

Ho sempre avuto nelle mie corde l’interesse e, spero, l’attitudine a ricoprire un ruolo dirigenziale all’interno di una società di pallacanestro, ferma restando la mia volontà di continuare il lavoro sul campo come allenatore. Al CUS mancava una figura come la mia che facesse da interfaccia tra il campo e la scrivania e che nel contempo si muovesse per promuovere il minibasket ed il settore giovanile e non appena Pino Gonella ed Andrea Toselli mi hanno proposto di collaborare con loro ed entrare nel CUS ho immediatamente accettato con entusiasmo.

Quali le motivazioni che l’hanno spinto ad accettare?

Le principali motivazioni che mi hanno spinto ad accettare questa sfida sono state due: la prima la possibilità di lavorare a stretto contatto con Pino Gonella dal quale spero di imparare molte cose (la sua carriera nella pallacanestro parla da sé) ed Andrea Toselli, con il quale ho passato tanti anni insieme prima a Sestri e poi al CAP Genova ed a cui mi lega una grande amicizia ed un rapporto di reciproca stima. La seconda l’idea di contribuire alla crescita del settore giovanile della società che ho sempre considerato la vera rappresentante di Genova nel basket. Come dicevo il primo obbiettivo è riuscire a far crescere il settore giovanile biancorosso nella speranza di riuscire in un futuro il più possibile prossimo ad avere una prima squadra composta in buona parte da nostre “creature”. Questo anche mediante una fattiva collaborazione con le altre società del territorio.

Come perseguire gli obbiettivi societari?

Per far questo sarà necessario innanzitutto incrementare il più possibile i numeri dei bambini nel minibasket, aumentando la nostra presenza sul territorio in particolare tramite il lavoro nelle scuole. Non sarà una sfida facile, sappiamo tutti che Genova è un territorio “ostile” per mille motivi alla pallacanestro ed allo sport in generale, ma ce la metteremo tutta.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.