SERIE C – Aurora Chiavari: «Fino al terzo quarto si ha una partita ma Colonne d’Ercole non oltrepassate»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Due punti importanti per Sarzana di coach Ricci, capace di superare al PalaBologna l’Aurora Chiavari di coach Marenco al termine di una sfida insidiosa. La società chiavarese ha pubblicato un’analisi della partita sul suo sito ufficiale:

Per la terza volta in cinque partite l’Aurora non oltrepassa le colonne d’Ercole dei cinquanta punti e ovviamente paga pegno in quel di Sarzana, contro una delle grandi favorite del campionato. La nobiltà dell’avversaria però risveglia gli antichi ardori delle casacche blu chiavaresi e fino a metà terzo quarto si ha una partita, seppur nessuno dei presenti nutre dubbi sull’esito finale. I padroni di casa sembrano giocare al gatto col topo per lunghi tratti, senza riuscire a dare lo scossone decisivo visto che coach Ricci predilige far scorrere le porte girevoli attingendo a piene mani dalla panchina. Il ritmo blando favorisce l’intento di una Aurora più sparagnina che mai, al cui capezzale nella prima metà viene in soccorso una serie di triple di Filippo Ravera che ricuce il primo tentativo – non troppo convinto in verità – di fuga biancoverde.

Si balla un lento d’antan fino al 7′ del terzo tempino, quando Sarzana dà la sterzata definitiva al match con un parziale di 15-2 a cavallo dell’ultimo mini-intervallo e allora anche coach Marenco – prematuramente angustiato dai problemi di falli dei due lunghi – molla gli ormeggi, dando minuti a tutti. La serata, che già prometteva poco di desiderabile per l’Aurora, si conclude male per Saverio Messina, che accusa un preoccupante dolore al ginocchio sul quale sarà necessario fare ulteriori indagini. Speriamo bene.

Certo, i punti nelle mani sono pochini (239 in 5 partite alla non rispettabile media di 47,6…) e contro l'”aristocrazia” della C ligure si rischia spesso di rimanere a bocca asciutta per lunghi periodi, ma – direte voi – non sono queste le gare adatte allo chassis Aurorino. È ovvio che però acquisire una certa fiducia nelle conclusioni a canestro (ieri i nostri, bontà loro, hanno chiuso col 19% dal campo) determini una spinta emotiva maggiore nelle partite alla portata chiavarese. Domenica prossima al PalaCarrino (ore 18) con avversario il Sestri Ponente sapremo qualcosina di più.

IL MIGLIOREFrancesco Putti, ultimo ad alzare bandiera bianca. 15 e 7 rimbalzi in 36′ essenziali per la squadra. Spesso usato come scialuppa di salvataggio in un attacco anemico.

MENZIONE ONOREVOLE: non solo per le triple, Filippo Ravera. Dimostra che in attacco può (e deve, aggiungiamo ) dare una sostanziale mano già alla sua verdissima età, nonostante qualche errore di inesperienza.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.