#AMERICANDREAM – «Le vittorie non cadono dal cielo: dipende tutto da noi!»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Eccoci arrivati nel 2019 e quindi anche al mio primo articolo mensile per il mio spazio personale sul sito Liguria A Spicchi.

Con il mese di gennaio abbiamo finalmente iniziato il girone di Conference e abbiamo giocato ben sette partite al momento. Il nostro record attuale in Conference è di 1-6. Che dire, non uno dei migliori infatti dietro a queste cinque partite perse ci sono problemi di fondo di squadra (e purtroppo di qualche compagna infortunata). Il problema principale è che non manteniamo l’asticella dove dovrebbe essere e anzi, ci abbassiamo al livello della squadra contro cui giochiamo quel giorno. Fondamentalmente nel nostro girone abbiamo solo una/due squadre che sono MOLTO forti (Casper e Sheridan). Per il resto sono tutte al nostro livello o minore: Gillette, Northwest, Laramie County e Eastern Wyoming, Central.

La prima partita di Conference del 2019 è stata contro Gillette il 9 gennaio a casa loro (sei ore di pullman). Di ritorno dalle vacanze di Natale, abbiamo preparato la partita per una settimana e mezza. Il tutto includeva: Game Film nella Team Room ( cioè “studiare” la squadra avversaria guardando varie partite che avevano giocato prima di Natale), allenamento in campo (schemi, tattiche e soluzioni migliori per attaccare e difendere contro Gillette) , pesi e conditioning (corsa, scatti, ecc). Successivamente il coach ci ha assegnato le marcature e noi in un secondo tempo le abbiamo ulteriormente analizzate per capire chi era “migliore” e quali erano i punti forti e deboli, così da arrivare pronte per la partita sapendo a chi piace andare a canestro, chi tira da tre e da due, chi va a rimbalzo e chi no, chi perde maggiormente palla se pressato in difesa, e così via.

Gillette era sicuramente alla nostra portata e soprattutto una squadra giovane ed inesperta che però è riuscita a superarci perché ha saputo approfittare della nostra leggerezza nel valutarle. Un meticoloso lavoro buttato nella spazzatura così, in 40 minuti di gioco. Personalmente ho segnato 15 punti con 6-14 dal campo (42.9%) e 5 rimbalzi. Ma i punti di per sè del singolo contano zero quando si perde la partita.

La seconda partita è stata contro Sheridan: due giorni per prepararla e anche in questo caso sei ore di viaggio in pullman. Perso di 1 contro una grande squadra di tiratrici da 3 punti. Siamo riuscite a limitarle ma purtroppo alla fine hanno avuto la meglio. Ho segnato 9 punti con 4-10 dal campo (40%) e 8 rimbalzi. Ma in questi momenti preferirei non segnare ma che la mia squadra vincesse.

Arriviamo alla terza partita, finalmente in casa, contro Northwest e arriva così anche la prima vittoria! Personalmente ho segnato 17 punti con 5-14 dal campo (35.7%) e ben 10 rimbalzi. Vittoria di squadra e una doppia doppia, cosa posso chiedere di più!

Tre giorni dopo abbiamo affrontato Casper in casa, non una partita facile (persa di 12) ma abbiamo combattuto fino alla fine. 5 punti miei con 2-7 dal campo (28.7%) . Arriviamo ora alla partita numero cinque contro Laramie County. Il terzo quarto purtroppo ci rovina sempre in tutte le nostre partite (grazie anche alla panchina corta) e anche in questo caso alla fine perdiamo di 11. Ho terminato con 5-8 dal campo (62.5%) segnando 13 punti e prendendo 7 rimbalzi.

Penultima partita di gennaio contro Eastern Wyoming: un disastro. Tutte che cercano di risolvere la partita da sole, nessuno che rallenta il gioco o chiama time out per sistemare le cose. C’è stato un vero e proprio breakdown mentale. Termino la partita con 11 punti, 2-6 dal campo (33.3%) e 5 palle rubate. Arriviamo così finalmente all’ultima partita di gennaio contro Gillette in casa, persa 65-63 a causa di una tripla all’ultimo secondo. Che frustrazione. Io ho terminato con 5-12 dal campo (41.7%), 15 punti e 7 rimbalzi.

Ora dobbiamo impegnarci e concentrarci ancora di più affinché febbraio ci porti finalmente delle gioie. Ops… delle vittorie! Ma non cadranno dal cielo, dipende tutto da noi.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Francesca Facchini
About Francesca Facchini 2 Articles
«Responsabile, ambiziosa e imprevedibile. Essere responsabile è la chiave di tutto, specialmente se hai lasciato casa e famiglia a 16 anni. Devi essere ambizioso se vuoi andare avanti. Sii imprevedibile e stupisci tutti».