ESCLUSIVA LS – Coach Ricci: «Molto contenti per la vittoria, anno sfortunatissimo per infortuni»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Successo al PalaBologna per Sarzana contro Recco di coach Bertini. In esclusiva per Liguria a Spicchi ecco una dichiarazione di Gabriele Ricci, coach dei sarzanesi:

Siamo tutti molto contenti per la vittoria. Ma, al di là della vittoria, siamo contenti per come è andata la partita. È un anno e mezzo che sono a Sarzana e, lo dico senza volersi piangere addosso ma come dato oggettivo, non mi è mai successa una cosa del genere. Abbiamo avuto una miriade di infortuni, malati di varia natura. L’altro giorno si diceva scherzando: «Facciamo un pullman e andiamo a Lourdes». Anche nell’ultima partita, a proposito di Recco, eravamo contati. Già dall’inizio dell’anno abbiamo avuto sempre infortuni a ripetizione, ma proprio negli ultimi tre mesi è stato uno scempio. Addirittura nell’ultima settimana abbiamo stabilito un record: ci siamo allenati in sei, una cosa incredibile. Detto questo, senza piangersi addosso, a maggior ragione siamo contenti di averi vinto. Prima di tutto perché a inizio stagione, come dichiarai, il nostro obiettivo principale era quello di salvarci, possibilmente senza patemi d’animo. Quindi l’obiettivo l’abbiamo raggiunto in anticipo perché già con tre giornate di anticipo ci eravamo riusciti matematicamente. È vero che con i “se” e con i “ma” non si va da nessuna parte, ma il rammarico è che fossimo riusciti ad allenarci con continuità dall’inizio dell’anno e ad essere tutti al completo, probabilmente avremmo potuto giocare per posizioni migliori. Di questo rimango convinto perché nel momento in cui per venti giorni abbiamo avuto la squadra al completo e siamo riusciti ad allenarci tutti insieme senza infortunati (ovvero per sole due partite) abbiamo anche giocato bene. Abbiamo avuto un periodo tra gennaio e febbraio, soprattutto gennaio, dove stavamo giocando anche bene. Poi purtroppo con un infortunato dietro l’altro abbiamo avuto grosse difficoltà. Ripeto, siamo contenti di aver vinto e conquistato la salvezza in anticipo. Ora ci aspetta la partita con il MY Basket per cui abbiamo recuperato solo Viola, ma abbiamo altri ragazzi fuori e altri giocatori fuori. Non saremo sicuramente al meglio. Non so in quali condizioni saremo ma cercheremo sicuramente di fare il massimo. Poi ci giochiamo la seconda fase nella speranza di recuperare tutti gli infortunati, poterci allenare al completo e poi giocarcela senza avere nulla da perdere perché, non dimentichiamocelo, abbiamo una squadra molto giovane con tutti quasi 2002 e 2001 a parte Bencaster, Tesconi e Dell’Innocenti, che per vari motivi non hanno potuto giocare sempre quest’anno. Andiamo con entusiasmo massimo nella seconda fase.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.