ESCLUSIVA LS – Coach Pansolin: «Approccio migliore finora, ingiusta l’espulsione di Vallefuoco»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Complice la giornata di riposo della Tarros La Spezia, con la vittoria al PalaCUS contro Ospedaletti di coach Lupi il CUS Genova ha conquistato la vetta solitaria del campionato di Serie C Silver. In esclusiva per Liguria a Spicchi, ecco una dichiarazione di Giovanni Pansolin, coach degli Universitari:

Dopo la partita approcciata in modo peggiore, vale a dire la trasferta di Sarzana, c’è stata la partita approcciata nel modo migliore e giocata meglio nel corso dell’anno. Contro Ospedaletti abbiamo giocato molto bene, soprattutto nel primo quarto e nel terzo. Abbiamo difeso forte, abbiamo fatto circolare la palla, siamo stati solidi, abbiamo sfruttato le occasioni che ci sono state concesse e abbiamo difeso duro. Quindi è stata veramente un’ottima partita. Peraltro abbiamo anche dovuto superare una situazione difficile dal punto di vista della lettura del metro arbitrale perché nonostante la partita fosse tranquilla con noi in controllo, sempre con uno scarto superiore alla decina di punti, ci sono state delle decisioni che ci hanno penalizzato portandoci ad un’espulsione, falli tecnici e antisportivi. Quindi hanno creato un clima che non era dettato dall’avversario né dalla situazione di punteggio, ma da un fattore esterno che fortunatamente siamo riusciti a dominare e non subire, limitando i danni. Anche perché reputo l’espulsione di Vallefuoco assolutamente ingiusta, una topica dal punto di vista dell’arbitraggio di cui poi, rivedendo il video, ho avuto la certezza. Un fatto grave perché comunque poteva penalizzarci per le partite future, anche se confidiamo nel fatto che ci possa essere una giusta trascrizione del rapporto arbitrale, visto che il fallo di cui si è macchiato è stato veramente venale. Se ne vedono venti all’interno di un campionato. Una spinta a metà campo per fermare un contropiede. Ribadisco: chi ha visto il video non può che essere d’accordo con me. Purtroppo non è stata interpretata così e siamo stati bravi a non trascendere. Certo che, con una partita in cui la nostra squadra è stata in grado di controllare il punteggio per quaranta minuti su quaranta, scoccia pensare di dover gestire anche situazioni non dettate da avversario e punteggio. Se sarà così dovremmo abituarci a diventare ancora più forti mentalmente anche su questo aspetto che, però, deve per forza migliore.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.