#COMMENTATE – «Spezia prima forza del campionato con Sarzana, che giocatori Kuntic e Baldoni»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

Share
2 MINUTES

Nella giornata di ieri è andato in scena al PalaSprint il primo derby stagionale tra la Tarros La Spezia e Follo, con i due punti andati ai Bianconeri. Una coppia di spettatori presenti sugli spalti, firmatisi come LA e JN, ha inviato in esclusiva a Liguria a Spicchi la sua personale analisi della sfida. Ecco il pensiero di LA:

Spezia nettamente, insieme a Sarzana, prima forza del campionato. Ha questo serbo fortissimo, Kuntic, che può tranquillamente fare doppia-doppia 30-10 tutte le partite. Santoni revitalizzato dalla cura Padovan. Follo dipendente dell’argentino Baldoni, che però dicono che non abbia mai fornito prestazioni di alto livello fino al derby. Lo staff di Spezia ha detto di essere preoccupatissimo da Madiotto e dal georgiano Gogoladze, autore di una prova dal non eccezionale mordente. Promossissimo l’argentino.

Questo, invece, il commento di JN:

Devo essere onesto: conclusione finale è che Spezia l’ha vinta con l’esperienza. Perché comunque a Follo sono tanto giovani e si vedeva che mancasse l’americano Panaggio. Spezia poteva comodamente essere molto più sopra all’intervallo. Il problema è che hanno sbagliato un sacco di tiri aperti e hanno anche avuto dei momenti di blackout difensivi. A Follo sono tanto giovani. L’hanno anche tanto messa sul ritmo alto. Alla fine Kuntic ha “spadellato” per tre quarti e nell’ultimo quarto ha detto: «Va bene, giochiamo a pallacanestro». Ha messo due bombe di fila ed uno step back da due con crossover, dimostrando che sa giocare a pallacanestro e che a Spezia hanno un fiuto discreto per i playmaker di talento. Per il resto, Follo ha tanti ragazzi, di cui alcuni forse si sono presi troppe responsabilità o glienesono state date troppe. L’argentino è un buon quattro che non tira da fuori. Spezia ha un roster i cui primi sette/otto giocatori sono tranquillamente da quintetto di Serie C. Non ci sono stati momenti di tensione. A Follo mancava anche Bonanni, che è infortunato. Bella partita fino agli ultimi sei/sette minuti dell’ultimo quarto, poi tutto più tranquillo perché Spezia ha iniziato a metterle. Spezia aveva avuto un po’ di problemi perché contro la zona battevano sempre l’uomo ma non segnavano mai. Follo ha rallentato i ritmi, poi ha difeso abbastanza bene andando in contropiede e l’ha tenuta a galla così. Poi Follo da tre non ha tirano bene, anzi, tutt’altro: penso che abbiano fatto meno del 40% del tiro tirano quasi una ventina di volte da tre. Spezia effettivamente penso che così al completo sia la prima forza del campionato. Follo bisogna vedere se le vengono ridati gli stranieri. Derby che poteva essere più esaltante. Pallacanestro bella poca, a sprazzi, però classica intensità da derby.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.