PROMO – Olimpia Taggia: «Partita iniziata sottotono, placata la rimonta avversaria nel finale»

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
2 MINUTES

Nella giornata di mercoledì l’Olimpia Taggia di coach Ottaviani ha espugnato il PalaSharkers di Pegli. La società ponentina ha fatto pervenire a Liguria a Spicchi la sua analisi della sfida:

Basket, Pegli sconfitta dall’Olimpia 46 a 53. Mercoledì 30 Novembre è andata in scena la 6° giornata del campionato di Promozione Regionale Maschile girone A tra l’Olimpia Basket, reduce da due vittorie consecutive su tre partite disputate, contro, il Basket Pegli due match vinti su quattro giocati.
Gli uomini di capitan Sartore S. si presentano in terra genovese senza gl’indisponibili: Boeri M., Zanchi D. (infiammazione tendinea) e il centro Volpe C. che lotta contro il tempo per tornare in forma fisica dopo l’incidente di percorso che l’ha visto lontano dal parquet per oltre un mese.
Una partita iniziata sotto tono per entrambe le formazioni; il tabellone elettronico segna i primi due punti dopo cinque lunghi minuti, per mano dell’eterno e inossidabile Di Benedetto R. che chiuderà la sua prestazione con 8 punti all’attivo in 18′ minuti giocati. Il primo quarto termina con il parziale di 8 a 7 per la squadra di casa; da segnalare una fantastica tripla da tre piazzata, dal solito Zunino S., in faccia al suo diretto avversario in un momento nel quale la squadra Genovese stava cercando di prendere vantaggio. Il secondo quarto riassume fedelmente il primo; con la squadra ospite che cerca di fare la partita condotta dal duo Formica G. e Sartore S. Il capitano chiuderà la sua prestazione con 11 punti e 14 rimbalzi totali di cui otto difensivi e sei in zona di attacco e 4 stoppate realizzate. A nulla sono serviti i dieci falli di squadra spesi dagli avversari, alcuni al limite della legalità sportiva, nei sui 37′ min. di permanenza in campo, per intimorirlo e domarne l’irruenza atletica. Si arriva all’intervallo, con lo scarto di un punto, a favore dell’Olimpia Basket. Gli uomini di Coach Ottaviani si ripresentano in campo, dopo l’intervallo lungo, rivitalizzati dalle parole del loro mentore. Il terzo quarto si concluderà 31 a 38, con la squadra ospite capace, anche, di portarsi in vantaggio di oltre quattordici lunghezze; grazie a un Blasetta R. rientrato dagli spogliatoi più motivato e cosciente delle sue capacità, 9 i punti a fine match, tutti messi a segno tra il terzo e quarto tempo e Gilardino L. immarcabile, a nulla sono servite le maniere forti riservate dal suo difensore! 12 saranno i punti messi a segno dopo i 36′ min. in campo spesi a condurre i suoi compagni verso la vittoria dispensando canestri da ogni posizione e dipingendo gioco ad ogni traiettoria di passaggio. Nell’ultimo quarto la Dea bendata decide di baciare la mano dei tiratori del Basket Pegli che realizzano tre triple su altrettanti tiri e, complice un fallo antisportivo fischiato a Formica G., segnano prima il tiro libero e poi, sul possesso palla, gonfiano nuovamente la retina con un’altra tripla fortunosa. Ma come si dice in questi casi: “quando il gioco si fa duro; i duri iniziano a giocare” ed ecco salire in cattedra i quattro moschettieri: Gilardino L., Blasetta R., Sartore S. e Formica G. supportati da Biondini F., incollato alla sottana del suo diretto avversario, che riprendendo il pallino del gioco placando la rimonta e portando a casa la partita con il parziale di 15 a 14 per la squadra genovese.
Da segnalare la buona performance di Carassale G., sempre pronto a mettersi al servizio della squadra quando viene chiamato in causa. Da rivedere la prestazione di Franchi D. e Coloberti F., da giocatori del loro calibro ci si aspetta sempre qualcosa in più.
L’uomo Olimpia questa sera è: Di Benedetto R. atleta intramontabile; quarantasette sono le candeline spente da questo longevo atleta che dispensa maestria e abilità cestistica in ogni poro, ad ogni azione e possesso palla. Ogni aggettivo e complimento risultano insignificanti e non rendono onore a Sir “Di Bi”.

L’Olimpia Basket affronterà l’A.s.d. Pallacanestro Alassio, in trasferta, presso il Pala Ravizza (SV) Mercoledì 7 Dicembre ore 21:30.

La dirigenza vuole ringraziare i propri tifosi che hanno seguito la squadra in trasferta e gli Sponsor: CLAS, Autolavaggio “IL PINGUINO”, Albergo Ristorante IDEAL, imPEKabile, Bar FROG’S, Ristorante MY DREAM, SMOKIE’S, ellelle studio, Lounge Club FLOWERS, Interno Legno POLIEDRO, Movimento Terra MICOLUCCI, Cantieri F.lli DIURNO, Arredamenti ANFOSSI, Bar CENTRAL PARK.

La società ponentina ha inviato anche il tabellino della sfida:

PEGLI vs OLIMPIA TAGGIA 46-52 (8-7; 9-11; 14-20; 15-14)
OLIMPIA TAGGIA: Zunino 5, Gilardino 12, Franchi, Sartore 11, Formica 5, Coloberti, Blasetta 9, Carassale 2, Biondini, Di Benedetto 8. Coach: Ottaviani.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3280 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.