SERIE C – Aurora Chiavari: «Lottato più o meno ad armi pari ma percentuali troppo basse»

Studio Fisioterapico Giovanni Gerbino
Ti aiutiamo a ritrovare l’equilibrio per fare ciò che ami.

© Edited by MATTEO CALAUTTI
Share
1 MINUTE

Nel weekend Vado di coach Costa ha espugnato il PalaCarrino contro l’Aurora Chiavari di coach Marenco. La società chiavarese ha pubblicato un’analisi della sfida per mezzo del suo sito ufficiale:

Il leit-motiv della quarta sconfitta chiavarese è sempre quello. Si gioca più o meno ad armi pari, si lotta, si prendono (anche) cospicue quantità di rimbalzi (Ferri ben 16, Costacurta 14) e si esegue con discreta perizia, ma – al tirar delle somme – se non la si mette dentro quel cerchio di ferro con la retina rimangono solo le recriminazioni. E anche questa volta è andata male…

Il Vado dei giovanissimi – ben sei ragazzi del 2001 nel roster, reduci dal terzo posto estivo ai campionati nazionali under 16 – ha ritmo e fisicità per mettere in difficoltà chiunque in questo torneo. Figuriamoci l’Aurora, che comunque regge il confronto e grazie a una discreta difesa non permette ai biancorossi di Costa di usufruire di ampie porzioni di campo, riempiendo gli spazi e andando su tutti i palloni. Ma i gialloblù pagano lo sforzo in attacco, dove non vedono letteralmente il canestro. Sotto i tabelloni è una tonnara (non si contano le stoppate subite) e l’intensità fa chiudere gli occhi agli arbitri. Dalla lunga distanza non va meglio (3/18 da tre punti) e si spara a salve in molteplici occasioni per chiudere con un eloquente 19/73 in totale su azione. Per la fredda cronaca, il 26%.

Anche il lettore poco addentro a questioni tecniche comprenderà quanto sia difficoltoso negoziare con tali numeri se il tapino anela la vittoria. Non bastassero le percentuali, vi aggiungiamo a completare il quadro anche le 16 palle perse che hanno reso vano anche l’ultimo sussulto gialloblù (48-58 a meno di 2’30” dalla sirena finale) di un match peraltro condotto senza mai chiuderlo da un Vado che l’Aurora ha avuto il merito di non rendere brillantissimo. Ma, come sempre accade, chi vince esulta e chi perde spiega. Olè.

Non dimenticare di prendere attentamente visione del disclaimer del sito, nel quale sono indicati i termini e le condizioni alla cui accettazione sono subordinati l'accesso e la navigazione nel sito stesso. | Don't forget to carefully read the website disclaimer, where there are the terms and conditions which every guest must respect to be allowed to surf the own website.

Matteo Calautti
About Matteo Calautti 3276 Articles
Libero professionista nell'ambito della comunicazione, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Fondatore di Liguria a Spicchi, portale dedicato alla pallacanestro ligure, nonché responsabile della comunicazione del Comitato Regionale Ligure di Basket. Ricopre il ruolo di social media manager, addetto stampa e content creator di società sportive e attività commerciali. È autore e conduttore di Liguria a Spicchi TV e lavora per Dilettantissimo, trasmissioni televisive rispettivamente di pallacanestro e calcio, entrambe su Telenord. Ha collaborato con varie testate tra le quali Londra Italia, East Journal e Io Gioco Pulito. Trainer nazionale del CISV, associazione globale di volontariato di cui è follemente innamorato. Arbitro di calcio, allenamento alternativo per leadership e decision making.